1. Cleveland Conference

    Cleveland Ohio Conference 2017
  2. 2017 Pilgrimage

    2017 Calendar
  3. California Conference

    image
  4. Ask Father

    image

Chiarificazione di Alcune Verità 
della nostra Fede Cattolica

Sebbene abbiamo ricevuto una certa quantità di risposte positive ai nostri Comunicati Stampa, è diventato molto chiaro che un certo numero di Cattolici non ha mai appreso le verità fondamentali della Fede Cattolica. Non è difficile da comprendere, considerando lo stato terribile in cui ha versato il sistema scolastico Cattolico negli ultimi 40 anni. Ed ecco alcuni dei risultati:

“Sono perplessa e confusa. Nostra Madre è la Madre di tutti gli uomini senza badare alla religione. Perché la protesta? Per favore illuminatemi.” … Violet

“Non approvo il vostro comunicato stampa. Pare una meravigliosa idea per presentare la Madonna di Fatima al mondo.” … Seamus

“Io non penso che la Vergine Maria vi stia dicendo di 'boicottare' questo tipo di costruzione.” … Henri

Nel vero amore per i vicini, nella carità Cristiana, abbiamo l’obbligo di spiegar loro perché devono cambiare il loro modo di pensare se vorranno salvare le proprie anime.

di Padre Nicholas Gruner, S.T.L., S.T.D. (Cand.)

E’ vero che Dio vuole la salvezza di tutti gli uomini, e perciò Dio vuole che tutti diventino Cattolici, perché al di fuori della Chiesa Cattolica non c’è salvezza.

Certamente, noi preghiamo ogni giorno per la conversione di tutti i non-Cattolici affinché siano Cattolici, e per la conversione di tutti i Cattolici in stato di peccato mortale affinché si pentano dei loro peccati e vengano perdonati nel Sacramento della Santa Confessione.

Preghiamo per la conversione di tutti i Cattolici che sono nello stato di grazia affinché diventino Cattolici migliori col superamento delle loro colpe e dei loro peccati e delle loro colpe semi-intenzionali in modo che diventino più santi. E per quelli che sono santi, affinché diventino santissimi.

Quindi, certamente, preghiamo per la conversione di tutti, compresi noi stessi.

Preghiere della Chiesa

A proposito delle persone di altre religioni, in particolar modo i pagani, gli Ebrei, gli eretici e gli scismatici, noi approviamo e recitiamo le preghiere della Chiesa a Messa il Venerdì Santo per la loro conversione.

(1) La Chiesa ci insegna a pregare per tutti i Protestanti e gli Ortodossi come segue:

“Preghiamo per gli eretici e gli scismatici: che il Signore Nostro Dio sia lieto di salvarli da tutti i loro errori; e li richiami alla nostra Santa Madre Chiesa Cattolica e Apostolica.”

(2) La Chiesa ci insegna a pregare per gli Ebrei come segue:

“Preghiamo per gli Ebrei infedeli: che il nostro Dio e Signore rimuova il velo dai loro cuori: che essi possano anche riconoscere il Nostro Signore Gesù Cristo.”

(3) La Chiesa ci insegna anche a pregare per tutti i pagani, compresi gli Indù ed i Buddisti:

“Preghiamo per i pagani; che Dio Onnipotente tolga l’iniquità dai loro cuori; che, mettendo da parte i loro idoli, possano convertirsi al Dio vero e vivente, e al Suo unico Figlio, Gesù Cristo, Nostro Dio e Signore.”

Cosa Significa Questo?

Per chiarirci, certamente noi vogliamo che i non-Cattolici conoscano l’intero Messaggio di Fatima. Certamente vogliamo che arrivino a conoscere la Madonna di Fatima e le siano devoti.

Abbiamo speso più di 25 anni per portare questo messaggio e questa devozione alla Madonna di Fatima a tutti i popoli, di tutte le religioni, ovunque.

Io personalmente nel corso degli anni ho portato un certo numero di non-Cattolici a Fatima in modo che potessero essere toccati dalla speciale presenza materna della Madonna che molti Cattolici e non-Cattolici avvertono quando vi si recano.

Noi non stiamo protestando per i non-Cattolici come individui di qualsiasi altra religione, se rendono omaggio a Dio e alla Madonna nel santuario di Fatima.

Ma stiamo protestando per il piano di portare membri di false religioni presso un Santuario Sacro Cattolico con lo scopo di celebrarvi cerimonie “religiose” non-Cattoliche, compresi rituali pagani per i loro falsi dei.

Lo ribadisco, non siamo contro gli individui non-Cattolici, se visitano il santuario con rispetto, e con rispetto osservano le funzioni di preghiera della Chiesa Cattolica.

Né siamo contro una loro partecipazione, nella misura in cui se la sentano di farlo, e nella misura che la Chiesa Cattolica e la religione Cattolica permetta loro di farlo.

Per esempio, possono partecipare alla Messa, ma non possono andare alla Comunione se non sono Cattolici. Essi dovrebbero adorare Nostro Signore nel Santissimo Sacramento a Messa e nella Benedizione anche se non sono Cattolici.

Comunque, perlomeno devono essere rispettosi e non disturbare gli altri presenti quando si recano a queste funzioni religiose. 

Nella mia esperienza personale, tutti i non Cattolici portati lì da me o da altri che io abbia mai visto, si sono comportati in maniera rispettosa e senza arrecare disturbo.

Noi non stiamo protestando per i non-Cattolici che si recano al santuario come individui. Ci stiamoinvece opponendo al rettore e a chiunque altro inviti le religioni non-Cattoliche a celebrare i propri riti non-Cattolici, o peggio i propri rituali pagani di culto di falsi dei, sul suolo di un Santuario Cattolico.

Questo è un Abominio di desolazione contro cui Cristo ci mette in guardia nelle Sacre Scritture:

“Quando, dunque, vedrete l’abominio della desolazione di cui parlò il Profeta Daniele, stare nel luogo santo – chi legge comprenda.” (Mat. 24:15)

Il Pericolo del Fuoco dell’Inferno

La partecipazione a rituali di culto di falsi dei è un peccato mortale contro il Primo Comandamento.

Il peccato mortale uccide la vita di grazia nelle vostre anime. Se voi morite impenitenti, e senza il perdono di Dio dei vostri peccati mortali, andrete diritti all’inferno per tutta l’eternità.

Il peccato mortale è il male peggiore di cui possiate soffrire in questa vita. Il peccato mortale viene commesso soltanto da ciascuna persona, di sua spontanea volontà. E’ molto più facile commettere un peccato mortale piuttosto che la maggior parte delle persone si renda conto di averlo commesso.

Il suggerire che i Cattolici possano prestare i loro Santuari Cattolici a false religioni perché vi celebrino i loro falsi rituali di culto a falsi dei è un grave scandalo, fuorviante per milioni di anime.

Questo scandalo potrebbe portarli a commettere il peccato mortale di idolatria.

Milioni di Persone Fuorviate

Questa proposta, questo ballon d’essai lanciato da Monsignor Guerra per suggerire che il nostro Santuario Cattolico a Fatima inviti i praticanti di religioni pagane a portare i loro idoli a Fatima e ad adorarli lì nel Santuario della Madonna, può fuorviare milioni di persone.

Se si permette che accada, allora il fedele può essere guidato dallo scandaloso esempio dei ciechi Farisei all’interno del clero, che stiano al Santuario di Fatima o in Vaticano, i quali, con le loro parole o i loro silenzi o la loro connivenza, suggeriscono che è perfettamente normale prestare un santuario Cattolico, una chiesa Cattolica, un luogo di culto Cattolico, allo scopo di riti religiosi non-Cattolici.

Nessuno Può Addurre come Scusa la Propria Ignoranza

Adesso che siete stati avvisati, non potete addurre come scusa la vostra ignoranza di fronte a Dio.

Se pensate che non abbiamo dimostrato a sufficienza la verità di quel che diciamo, allora avete l’obbligo, di fronte a Dio, di scoprire la verità della questione.

Per la vostra stessa salvezza, non recepite nuove teorie, nuove eresie, o vecchie, che contraddicano l’ininterrotto insegnamento dei santi e dei papi e dei dottori della Chiesa degli ultimi 2000 anni.

Stiamo vivendo in un tempo di apostasia, e quindi dovete attenervi a ciò che la Chiesa ha sempre insegnato, e non ricadere nei peccati dell’epoca col credere che in qualche modo la verità cambi.

Se era vero 2000 anni fa che l’idolatria, cioè il culto di falsi dei, è un peccato mortale, e lo è infatti, allora è vero ancora oggi. Dio non è cambiato.

Dio non permetterà a qualcuno che è battezzato di ritornare al culto di falsi dei senza che ci sia una punizione.

Il Primo Comandamento dice:

“Io sono il Signore tuo Dio. Non avrai altro dio all’infuori di Me. Non ti prostrerai davanti a queste cose né le adorerai. Perché io, il signore Dio tuo, sono un Dio geloso (Deut. 5:6,7,9) (vedi inoltre Esodo 20:2,3,5.)

Con i terribili cambiamenti avvenuti nell’insegnamento della religione in molte scuole Cattoliche negli ultimi 40 anni, molte persone non hanno un insegnamento Cattolico solido nei riguardi della loro fede. Quindi io presento qui ciò che i Santi e la Chiesa hanno sempre insegnato, da IlCatechismo Spiegato (The Catechism Explained), di Spirago-Clarke:

***

L’idolatria o il Culto dei Falsi Dei

Ogni creatura umana sente di essere dipendente da un Essere supremo, e quindi è consapevole di un impulso interno all’adorazione di questo Essere supremo. Colui che non adora il vero Dio, adorerà una creatura. Questa è idolatria. Colui che non adora Dio nella maniera che Egli ha rivelato e che la Chiesa prescrive, in breve arriverà ad adorarlo in una maniera sua svilita e sciocca. Questo è il falso culto di Dio.

[1] L’idolatria è il culto di una creatura che viene considerata come una divinità; es., il sole, il fuoco, gli animali, le immagini, ecc.

L’idolatria si incontra frequentemente nella storia degli Ebrei; ne è testimonianza il culto del vitello d’oro (Esodo 32), o l’adorazione della statua che Nabuchodonosor fece erigere (Daniele 3). Ricordate i soldati che combatterono sotto Giuda Maccabeo, e che caddero in battaglia perché avevano degli idoli nascosti sotto le vesti. Giuda fece offrire preghiere e sacrifici per gli uomini che vennero così puniti. Al tempo delle persecuzioni, alcuni dei primi Cristiani vennero accusati di idolatria, perché per paura della tortura che li attendeva, offrirono incenso sugli altari degli dei pagani. E durante la Rivoluzione Francese, il popolo francese cadde nel peccato di idolatria quando una donna che impersonificava la Dea della Ragione venne adorata nella casa di Dio.

A tutt’oggi i pagani adorano gli idoli.

I pagani mutarono la gloria del Creatore nella gloria delle creature (Rom. 1. 23). In Asia, dove i corpi celesti splendono con maggiore brillantezza che nella terre a nord, le persone vedevano il sole, la luna, il circolo di stelle come dei, ed anche il fuoco, la fonte di luce, il vento e le grandi acque (Sagg. 13. 2). Gli Egiziani adoravano soprattutto animali che erano utili o che ferissero, come il gatto, il falco, il coccodrillo, e specialmente l’Api, un toro nero con un segno bianco sulla fronte ed altri segni peculiari, che veniva tenuto nei loro templi. E ancora i Romani e i Greci adoravano statue ed immagini dei loro dei pagani. E poiché i pagani si erano allontanati dal vero Dio, come punizione Egli permise che essi attraverso la pratica dell’idolatria, venissero degradati dai più orribili vizi (Rom. 1. 28). Essi rappresentavano le loro divinità come se stessi viziosi, e come protettori del vizio negli altri; indulgendo nel vizio del quale ogni particolare dio era il protettore, essi pensavano di rendergli onore. Questo culto di falsi dei non era nient’altro che il culto dei diavoli (1 Cor. 10. 20), perché il diavolo era lo spirito animatore dell’idolatria; egli dimorava negli idoli e spesso parlava attraverso di loro. Davide diceva: “Gli dei dei Gentilizi sono diavoli” (Ps. 95. 5). Quanto dovremmo essere grati a Dio Onnipotente per le benedizioni del Vangelo. E’ per dimostrare la nostra gratitudine per questo beneficio che stiamo in piedi mentre viene letto il Vangelo durante la Messa.

I tre-quarti della razza umana sono ancora avvolti dall’oscurità pagana. Sono ancora pagani. Si trovano principalmente in Africa, in India, in Cina ed in Giappone. Ogni anno il Santo Padre invia altri missionari dai pagani. I Cattolici dovrebbero cercare di sostenere questi missionari con le loro preghiere e le loro elemosine. L’Associazione per la Propagazione della Fede e della Santa Infanzia di Gesù sono state costituite proprio per questo motivo.

[2] Un’altra forma d’idolatria è quando un essere umano dona tutto se stesso ad una creatura.

Sarebbe assurdo chiamare un uomo idolatra perché offre ad un falso dio pochi grammi di incenso che avrebbe dovuto offrire invece al Dio vero, e non usare lo stesso termine per colui che dedica la sua intera vita al mondo invece che a Dio. Gli avari sono prettamente idolatri (Ef. 5.5), perché essi consacrano ogni loro pensiero, ogni loro sforzo, sacrificano la loro salute, la loro vita stessa a Mammon, in cerca dei beni del mondo.“La cupidigia è al servizio degli idoli” (Col. 3. 5).

Tutti coloro che sono presi dagli interessi materiali sono colpevoli di idolatria, specialmente gli avari, gli orgogliosi, gli intemperanti, gli impuri.

Qualsiasi cosa un uomo desideri ed adori, questa è il suo dio. Il dio dell’avaro è l’oro (Osea 8. 4); il dio dell’orgoglioso è l’onore, il dio del goloso è il suo ventre (Fil. 3. 19); il dio degli impuri è il suo desiderio (1 Cor. 6. 15). L’avidità di guadagno, l’orgoglio della vita, i piaceri dei sensi, sono idolatrati dalla persona dedita ai piaceri. Anche i genitori sono colpevoli di idolatria, se nutrono un affetto eccessivo per i loro figli (Wis. 14. 15).

[3] Il culto degli idoli è alto tradimento contro la maestà di Dio, ed è il più atroce dei peccati.

San Tommaso D’Aquino afferma che il culto degli idoli è il più grande di tutti i peccati. Per gli Ebrei era punibile con la morte (Esodo 22. 20). In una occasione, niente meno che ventitremila Ebrei vennero messi a morte per volere di Dio per questa trasgressione (Esodo 32. 28). Colui che adora gli idoli incorre nella maledizione di Dio (Deut. 27. 15). Pensate alla condizione pietosa dei pagani; alcuni di loro sono talmente degradati attraverso l’idolatria che sono affondati nel vizio del cannibalismo.

L’Apostolo dice che gli idolatri, gli adulteri, gli avidi, gli ubriaconi, ed altri, non avranno il regno di Dio. (1 Cor. 6. 10).

***

Dobbiamo Amare Veramente il Nostro Vicino

Naturalmente dovremmo amare i peccatori perché Dio li ha fatti. Essi sono creature di Dio con un destino eterno e Cristo morì sulla Croce per salvare le loro anime. Noi li amiamo perché Cristo li ama e noi dobbiamo amarli. Egli ci comanda di amarli.

Ma amare qualcuno veramente significa desiderare, volere il bene per quella persona amata.

Se io amo un pagano, allora devo volere il bene per lui, ma se io non gli mostro la via per salvare la sua anima, o peggio ancora lo incoraggio a rimanere nel paganesimo anche se è certo che andrà all’inferno se muore in quello stato, allora non si può dire che io lo ami veramente.

Piuttosto io sono un suo nemico perché lo sto mandando all’inferno col mio silenzio, la mia connivenza o con l’incoraggiarlo a rimanere nel suo paganesimo.

Potremmo non avere sempre l’opportunità di spiegare a tutti i non-Cattolici che sono sulla strada per l’inferno, ma almeno dobbiamo pregare per loro.

Con le nostre parole ed i nostri gesti non possiamo rafforzare la loro convinzione che rimanere nella loro religione è perfettamente buono per loro.

Fare questo è una crudeltà per loro. A meno che qualcuno non li corregga, essi potrebbero morire nei loro peccati perché qualcuno li incoraggiava a rimanere pagani.

Sono questo, quindi, coloro che incoraggiano i non-Cattolici a rimanere non-Cattolici, coloro che dicono ai non-Cattolici che possono salvare le proprie anime attraverso le loro false religioni, coloro che odiano il loro vicino attraverso le loro parole menzognere e la loro condotta.

Lo Scandalo degli Ufficiali del Santuario di Fatima

E’ ancora peggiore per gli ufficiali del Santuario di Fatima il proporre che le religioni non-Cattoliche rendano omaggio ai loro falsi dei in un Santuario Cattolico.

Questo sta incoraggiando i pagani ed i membri delle altre false religioni a persistere nei loro errori e andare all’inferno.

Questo è anche uno scandalo per i Cattolici che non conoscono niente di meglio, e così possono essere incoraggiati ad andare ai servizi delle false religioni ed a parteciparvi, pensando che sia perfettamente accettabile.

Lo scandalo è enorme e deve essere denunciato.

Dobbiamo Parlare Adesso!

Noi sappiamo che non dobbiamo, non possiamo, non abbiamo bisogno di aspettare che qualcun altro sollevi la sua voce di protesta.

Abbiamo bisogno di denunciarlo il più veemente, il più vigorosamente e il più a gran voce sia possibile, e tanto spesso quanto necessario affinché le persone si sveglino e si sollevino per rifiutare completamente e del tutto tali idee apostate. Dobbiamo proteggere noi stessi dalle persone che propongono tale apostasia fra di noi.

E’ certo, dobbiamo amare il peccatore pregando per la sua conversione. Ma è anche certo che dobbiamo odiare il peccato, veramente odiare il peccato come dicono le Scritture, “Ami la giustizia. E l’empietà detesti, Dio, il Tuo Dio ti ha consacrato con olio di letizia a preferenza dei tuoi eguali.” (Salmi 44:8)

Questo passaggio delle Sacre Scritture si applica prima di tutto a Gesù Cristo Stesso, ma deve anche essere applicato ad ogni seguace di Cristo.

Dobbiamo amare la giustizia, la giustizia di Dio. E dobbiamo odiare ciò che Dio trova detestabile, ciò che Dio ci dice che è male.

Possa Dio avere pietà delle anime dei ciechi, e dei capi dei ciechi. Dobbiamo pregare, sacrificarci, agire e parlare più di quanto sia mai stato fatto prima, prima che essi conducano i nostri cari, i nostri vicini, e milioni di anime in più nelle profondità dell’inferno per tutta l’eternità.